SPOGLIATOI VERONA
MARQUEZ: BUONA ANNATA <br/>MA RESTO PER FARE MEGLIO

MARQUEZ: BUONA ANNATA
MA RESTO PER FARE MEGLIO

“Nel primo tempo non abbiamo fatto una buona partita. Ci è mancata la grinta. Ma siamo cambiati nel secondo tempo e abbiamo avuto tante occasioni" Così "El Capitan" Marquez dopo il pareggio 2-2 di Parma. "Toni? Sappiamo che lui c'è sempre e che è sempre pronto per fare gol. Siamo tutti contenti per lui, manca una partita ma speriamo di poterlo aiutare a vincere la classifica dei marcatori". “La mia stagione? E’ stata positiva, ma penso che posso dare ancora di più" prosegue Marquez. "E' stata un’esperienza importante e speriamo l’anno prossimo di fare meglio, ho un contratto di un altro anno con il Verona”.Infine, a lui, bandiera blaugrana un pronostico sulla finale di Champions: "La Juve è una grande squadra, ma il Barcellona è molto forte davanti, per me il favorito è il Barca".
SERIE A
DONADONI, ULTIMA A   <br/>PARMA CON RAMMARICO

DONADONI, ULTIMA A
PARMA CON RAMMARICO

"Quello che succederà nel prossimo futuro lo vedremo. Speriamo che il Parma possa ripartire dalla serie B e oggi siamo un po' rammaricati perchè ci sarebbe piaciuto chiudere con una vittoria. Spiace soprattutto per Lucarelli su quell'ultima giocata che avrebbe meritato miglior sorte". Così Roberto Donadoni, tecnico del Parma dopo il 2-2 col Verona. "Nel primo tempo abbiamo giocato con la coscienza di mettere in mostra le nostre qualità, siamo andati sul 2-0 in maniera meritata. Poi abbiamo preso quel gol di Toni troppo... facile. Su una palla in mezzo con Toni che è stato bravo e smaliziato a prendersi lo spazio su Feddal. Direi che quello ci ha tolto un po' di tranquillità e ci ha fatto entrare nel secondo tempo con un po' di timore eccessivo e insieme al caldo che ha influito ci ha tolto quella serenità che poi ha portato all'episodio del rigore, per me un po' generoso, dato al Verona che ha complicato tutto". "Il rigore è una palla buttata nel mezzo che se Feddal non la prende col braccio va ad un giocatore dietro che è in fuorigioco. Toni a parte il gol e un paio di colpi di testa, a livello di gioco l'abbiamo controllato bene. Certo lui è un giocatore che quando butti palla dentro è veramente pericoloso e lo dimostrano i gol che ha fatto".
SERIE A
VERONA-JUVE, PROBABILE  <br/>L'ANTICIPO A SABATO

VERONA-JUVE, PROBABILE
L'ANTICIPO A SABATO

Il dubbio lo ha fatto venire Mandorlini, che in conferenza stampa per un paio di volte si è lasciato scappare sabato quando parlava della gara di settimana prossima contro la Juventus. E allora manca ancora l'ufficialità, ma è probabile che la Juventus (impegnata la settimana successiva nella finale di Champions) chieda e ottenga lo spostamento della gara prevista inizialmente per domenica prossima al giorno prima. Le due società si sarebbero in questo senso già parlate. Se fosse confermato, Verona-Juventus, ultima di campionato, si giocherebbe così sabato prossimo al Bentegodi e non domenica; con orario che sarà definito nei prossimi giorni.
SERIE A
MANDORLINI: FELICI   <br/>PER LUCA TONI

MANDORLINI: FELICI
PER LUCA TONI

"Abbiamo fatto un primo tempo inguardabile, bruttissimo. Il più brutto dei miei cinque anni a Verona però le partite sono lunghe, grazie a Luca l'abbiamo rimessa in piedi e nel secondo tempo abbiamo fatto meglio". Così Andrea Mandorlini nella conferenza stampa di fine gara a Parma. QUEL PRIMO TEMPO. "Quel primo tempo? Succede. Ci sono volte in cui vuoi far tante cose ma la scintilla non parte e non riesci a fare la partita che vuoi. Il secondo gol, a parte che c'era un fuorigioco evidente, è stata quasi una comica. Siamo stati fortunati a trovare il 2-1 con Toni in chiusura di primo tempo, ci siamo parlati e nella ripresa è andata meglio. E ci portiamo a casa un punto e, almeno oggi, il titolo di capocannoniere di Luca Toni". IL VERONA PER TONI. "Questa è una squadra che gioca molto per il suo centravanti" spiega Mandorlini rispondendo a una domanda sul "fenomeno" Toni, capocannoniere a 38 anni. "Ci sono tante componenti che fanno si che lui oggi sia primo, gioca in una società che gli vuol bene, in una squadra che gioca per lui, ci sono la sua esperienza e la sua capacità, lui è un protagonista" spiega Mandorlini. "In due anni Luca ha fatto 41 gol, penso ci abbia messo molto del suo ma penso anche che la squadra abbia fatto tanto per lui e questo penso che Luca lo apprezzi più di tutti". SUL FUTURO. L'anno scorso proprio Mandorlini legò il suo futuro a quello di Toni: "Sono pronto a rifarlo ancora. Non ne abbiamo ancora parlato ma Luca compirà 38 anni martedì e farà fatica ad andare in un altra squadra per un'altra avventura. Io dal canto mio non ho mai visto un futuro lontano da Verona e continuo a non vederlo" spiega Mandorlini. "Ma bisogna fare le cose con calma, ci siederemo e ci parleremo. Il nostro (Mandorlini-Toni n.d.r.) è stato un binomio vincente ma il merito non va solo a noi, c'è il direttore sportivo, il direttore generale, siamo un po' tutti a scadenza. Sono stati tre anni di successi, vediamo la prossima settimana".DELUSIONE SALA. "La partita di Sala? Si è fatto male Pisano, avevamo pensato anche ad altre soluzioni. Forse lui è uno di quelli che ha accettato questa cosa meno di altri. Ma Jacopo altre volte aveva fatto bene partendo da quella posizione, ha fatto meno bene ma come tutta la squadra nel primo tempo poi anche lui è andato leggermente meglio". TIFIAMO SQUADRA ITALIANA. L'ultima domanda è sulla Champions se Marquez, bandiera blaugrana indirizzerà il tifo dello spogliatoio verso il Barcellona: "Non abbiamo parlato di questo, anche oggi abbiamo portato a casa un punto e pensiamo ancora al campionato" risponde Mandorlini. "Penso che sabato la Juve farà la prova generale di questo avvenimento, dobbiamo preparare bene questa partita e poi loro avranno questa finale importantissima. Noi faremo il tifo per la nostra squadra, italiana, e penso che sabato le prove generali le faranno con noi, quindi dobbiamo essere uno sparring partner importante e mi auguro che lo saremo" ha detto Mandorlini.
SERIE A
MANDORLINI: FELICI   <br/>PER LUCA TONI

MANDORLINI: FELICI
PER LUCA TONI

"Abbiamo fatto un primo tempo inguardabile, bruttissimo. Il più brutto dei miei cinque anni a Verona però le partite sono lunghe, grazie a Luca l'abbiamo rimessa in piedi e nel secondo tempo abbiamo fatto meglio". Così Andrea Mandorlini nella conferenza stampa di fine gara a Parma. QUEL PRIMO TEMPO. "Quel primo tempo? Succede. Ci sono volte in cui vuoi far tante cose ma la scintilla non parte e non riesci a fare la partita che vuoi. Il secondo gol, a parte che c'era un fuorigioco evidente, è stata quasi una comica. Siamo stati fortunati a trovare il 2-1 con Toni in chiusura di primo tempo, ci siamo parlati e nella ripresa è andata meglio. E ci portiamo a casa un punto e, almeno oggi, il titolo di capocannoniere di Luca Toni". IL VERONA PER TONI. "Questa è una squadra che gioca molto per il suo centravanti" spiega Mandorlini rispondendo a una domanda sul "fenomeno" Toni, capocannoniere a 38 anni. "Ci sono tante componenti che fanno si che lui oggi sia primo, gioca in una società che gli vuol bene, in una squadra che gioca per lui, ci sono la sua esperienza e la sua capacità, lui è un protagonista" spiega Mandorlini. "In due anni Luca ha fatto 41 gol, penso ci abbia messo molto del suo ma penso anche che la squadra abbia fatto tanto per lui e questo penso che Luca lo apprezzi più di tutti". SUL FUTURO. L'anno scorso proprio Mandorlini legò il suo futuro a quello di Toni: "Sono pronto a rifarlo ancora. Non ne abbiamo ancora parlato ma Luca compirà 38 anni martedì e farà fatica ad andare in un altra squadra per un'altra avventura. Io dal canto mio non ho mai visto un futuro lontano da Verona e continuo a non vederlo" spiega Mandorlini. "Ma bisogna fare le cose con calma, ci siederemo e ci parleremo. Il nostro (Mandorlini-Toni n.d.r.) è stato un binomio vincente ma il merito non va solo a noi, c'è il direttore sportivo, il direttore generale, siamo un po' tutti a scadenza. Sono stati tre anni di successi, vediamo la prossima settimana".DELUSIONE SALA. "La partita di Sala? Si è fatto male Pisano, avevamo pensato anche ad altre soluzioni. Forse lui è uno di quelli che ha accettato questa cosa meno di altri. Ma Jacopo altre volte aveva fatto bene partendo da quella posizione, ha fatto meno bene ma come tutta la squadra nel primo tempo poi anche lui è andato leggermente meglio". TIFIAMO SQUADRA ITALIANA. L'ultima domanda è sulla Champions se Marquez, bandiera blaugrana indirizzerà il tifo dello spogliatoio verso il Barcellona: "Non abbiamo parlato di questo, anche oggi abbiamo portato a casa un punto e pensiamo ancora al campionato" risponde Mandorlini. "Penso che sabato la Juve farà la prova generale di questo avvenimento, dobbiamo preparare bene questa partita e poi loro avranno questa finale importantissima. Noi faremo il tifo per la nostra squadra, italiana, e penso che sabato le prove generali le faranno con noi, quindi dobbiamo essere uno sparring partner importante e mi auguro che lo saremo" ha detto Mandorlini.
CLASSIFICA MARCATORI
TONI, MISSIONE COMPIUTA     <br/>E' PRIMO TRA I BOMBER

TONI, MISSIONE COMPIUTA
E' PRIMO TRA I BOMBER

Era la "mission" della giornata. Ed è stata rispettata. Con la doppietta segnata al Parma Luca Toni sale al primo posto della classifica marcatori a quota 21. Toni stacca di un gol Tevez, a riposo nella Juventus in campionato da qualche partita e Icardi dell'Inter, a segno nell'ultima giornata. Decisivo per l'assegnazione dello scettro di re dei marcatori l'ultima giornata che vede in programma Juventus-Verona e Inter-Empoli.
SERIE A
RE DEI BOMBER, IL VERONA    <br/>GIOCA PER LUCA TONI

RE DEI BOMBER, IL VERONA
GIOCA PER LUCA TONI

A salvezza acquisita da qualche giornata l'obiettivo principale del Verona è la conquista della classifica cannonieri da parte di Luca Toni. Mai un giocatore del Verona ha vinto la classifica dei cannonieri in serie A. Ieri Icardi ha segnato a Genova e ha raggiunto Tevez a quota 20 in testa alla classifica. Con lo juventino fermo per il turnover e per la finale di Champions, grande occasione per Toni che prima di questa partita è terzo a quota 19 ma con una doppietta potrebbe staccare tutti e sfilare in testa. Fuori gioco, ormai, gli altri; con Higuain (16) e Gabbiadini (15) che hanno già giocato ieri a Torino e Menez (16) squalificato per questa giornata di campionato.
SERIE A
PARMA-VERONA  2-2          <br/>TONI (DOPPIETTA) E' A 21

PARMA-VERONA 2-2
TONI (DOPPIETTA) E' A 21

PARMA-VERONA 2-2 (21' p.t. Nocerino, 35' p.t. Varela, 42' p.t. e 35' s.t. Toni) Le scelte. Mandorlini deve rinunciare a Pisano. Sala si abbassa esterno basso, a sinistra gioca Agostini. I centrali sono Marquez e Moras. In mezzo al campo rientra Tachtsidis, che agirà in mezzo a Obbadi e Hallfredsson. Davanti l'assenza di Gomez spiana la strada dall'inizio a Fernandinho, che formerà il tridente offensivo vicino a Jankovic e Toni. Nel Parma Donadoni cambia moltissimo. Rientra Lucarelli, non annunciato nella prima formazione ma alla fine in campo al posto di Mendes. Sarà difesa a quattro, con Cassani e Gobbi esterni, Lucarelli e Feddal centrali. Centrocampo molto folto con Lila e Varela sulle fasce, il talento Mauri, Jorquera e Nocerino in mezzo al campo e Palladino unica punta. Tutti per Luca (e la classifica). A salvezza acquisita da qualche giornata l'obiettivo principale del Verona è la conquista della classifica cannonieri da parte di Luca Toni. Mai un giocatore del Verona ha vinto la classifica dei cannonieri in serie A. Ieri Icardi ha segnato a Genova e ha raggiunto Tevez a quota 20 in testa alla classifica. Con lo juventino fermo per il turnover e per la finale di Champions, grande occasione per Toni che prima di questa partita è terzo a quota 19 ma con una doppietta potrebbe staccare tutti e sfilare in testa. Fuori gioco, ormai, gli altri; con Higuain (16) e Gabbiadini (15) che hanno già giocato ieri a Torino e Menez (16) squalificato per questa giornata di campionato. Ma contano anche i tre punti per le casse societarie, perchè conquistare una posizione migliore in classifica vuol dire assicurarsi 400 mila euro in più dalla Lega. I soldi di un buon ingaggio per la prossima stagione. Inizio partita. Primo attacco del Parma con Lila e Cassani che guadagnano calcio d'angolo. Il Verona replica al 5' con una seconda palla conquistata da Hallfredsson per Fernandinho che cerca ma non trova Toni in area di rigore. Parma inizia meglio. Verona che inizia con andamento lento. Un errore di Tachtsidis, rimontato da Palladino, da il via alla ripartenza di Jorquera che arriva fino in area ma che al momento del tiro viene murato dalla difesa. Palla ciccata. Una buona occasione non sfruttata all'8' per il Verona. C'è Obbadi che mette un bel pallone dalla destra, Toni tenta la girata che non gli riesce e nel movimento mette fuori tempo Jankovic che era posizionato meglio del compagno. Occasione Parma. E' però il Parma al 9' ad andare vicino al gol. Sala si fa sorprendere da Varela che imbeccato sul secondo palo grazia Rafael sbagliando la conclusione. Nocerino da fuori. Verona troppo compassato e secondo campanello d'allarme all'11' con Nocerino che colpisce da fuori e impegna nella respinta Rafael. Sprazzo di Hellas. Tra i più attivi nel Verona c'è Fernandinho che al 13' guadagna calcio d'angolo. Il traversone però è basso e l'azione sfuma. Verona, destra disastro. Gobbi e Varela molto meglio di Jankovic e Sala. Al 16' Varela prende alle spalle Jankovic, sfonda in area ma anzichè tirare davanti a Rafael scarica in mezzo senza trovare compagni. Poi, un minuto dopo, Parma ancora attivo da quella parte sempre con Varela, chiuso all'ultimo. Altro pericolo. Il Parma fa quel che vuole: al 19' si va a destra con la combinazione Lila-Mauri (tacco)- Lila con Marquez che ci mette una pezza. NOCERINO 1-0. Al 21' la logica conseguenza di un inizio di partita pessimo del Verona. Il Parma riparte a destra con Palladino che va via e calcia sul palo lontano, Rafael si salva, ma sulla respinta si proietta Nocerino che controlla e calcia in porta per il vantaggio strameritato dei padroni di casa. Torello Parma. Verona non pervenuto anche dopo il gol. Nessuna reazione, solo il tifo dei "butei" al Tardini. Al 32' ancora Parma con Rafael (alla 300/a con il Verona) costretto a toccare sopra alla traversa un traversone sottoporta di Varela. Sugli sviluppi dell'angolo prima Lucarelli poi Jorquera (bravissimo Fernandinho in fase di ripiegamento) pericolosi. E al 34' Nocerino, dentro per Palladino, assist di testa per l'entrata di Jose Mauri che colpisce dal limite a botta sicura ma Rafael è ancora una volta bravissimo. 2-0 VARELA. L'ennesimo pallone perso centralmente da Verona permette la ripartenza del Verona con Mauri che allarga a sinistra per Varela che piazza il diagonale vincente. Forse in fuorigioco uno dei giocatori del parma, non Varela che ha segnato. Verona inesistente al Tardini. Giallo ad Obbadi. Giro palla del Parma interrotto da Obbadi che fa fallo su Nocerino. Giallo. 2-1 LUCA TONI. E' sempre lui. Toni tramuta in oro l'unico lampo dell'Hellas e l'unica palla giocabile in un primo tempo inguardabile. Al 41' cross di Agostini dalla sinistra, Toni fa un gran lavoro tenendo distante Feddal colpo di testa all'angolino su cui mirante non può arrivare. E sono 20, Toni raggiunge Tevez e Icardi in vetta alla classifica dei marcatori. Verona in partita grazie al suo bomber. Fine primo tempo. IL PUNTO DI GIGI PURGATO. Pessimo approccio alla partita del Verona che ha subito costantemente il gioco di un Parma molto più presente e dentro la partita. Verona che come al solito anche contro una squadra di caratura modesta mantiene lo stesso atteggiamento, concedendo troppi spazi agli avversari che diventa piano piano padrona del gioco. Verona che dal punto di vista della manovra ha commesso l'errore di cercare troppo spesso Toni con palloni in verticale. Nell'unica azione dove si è cercato la manovra avvolgente con l'inserimento dei difensori (Agostini dalla sinistra) è arrivato il grandissimo gol di Toni che ha rimesso in partita il Verona. Secondo tempo. Al 2' bella azione di Fernandinho che punta e va via a Cassani, palla dentro con Toni chiuso da Lucarelli e Feddal. Toni si mangia la doppia. Incredibile al 4' Tachtsidis riparte centralmente con una volata di sessanta metri, il greco aspetta il momento giusto e al limite dell'area scarica su Toni che apre il piattone a botta sicura ma trova sulla traiettoria Mirante. C'era rigore. Dopo una protesta immotivata del Parma, scivolata lunga di Marquez su cui inciampa Nocerino, all'8' c'è invece Feddal che tiene per un braccio Luca Toni che va giù in area ma l'arbitro Minelli non fischia. Mandorlini prepara Nico Lopez che sostituisce Fernandinho. Nico a giro. Gran giocata al 15' di Nico Lopez che parte a destra rientra e calcia a giro, mettendola alta di pochissimo. Toni si lamenta perchè voleva palla in mezzo all'area. Pareggio vicino. Verona vicinissimo al pareggio anche al 18' con una punizione procurata da Jankovic (che dall'ingresso di Lopez si è spostato a sinistra). Schema un po' elaborato che ha portato prima a una conclusione di Moras, parata da Mirante) e poi di Nico Lopez che non trova la porta. Poco dopo secondo cambio per Mandorlini che mette Saviola al posto di Bosko Jankovic. Finalmente Sala. Al 26' della ripresa la prima percussione di Sala a destra, imbeccato da Saviola. L'esterno gialloblù mette in area un bel pallone con Saviola anticipato da Lucarelli. Varela su Sala. Ma Sala conferma di non essere in giornata nell'azione successiva, quando Varela lo lascia li in area di rigore e Lila per centimetri non arriva sul pallone del 3-1. Saviola per Toni. Chiara l'intenzione del Verona di voler far segnare Toni. Saviola al 32' va in verticale e cerca Toni in area, mancando l'assist per poco. Delizioso, però, Saviola, quando prende palla e la gestisce nello stretto. 2-2 LUCA TONI. E' una giocata di Saviola a procurare il fallo di mano di Feddal Rigore ineccepibile che Luca Toni trasforma alla sinistra di Mirante. Per Toni è il 21° gol stagionale, uno in più di Tevez e Icardi. Ancora Toni. Il Verona con Saviola è in campo è un'altra cosa. Il lavoro di cucitura dell'argentino è decisivo cosi' come l'apporto di Nico Lopez che ci ha messo grande voglia. Sono questi due giocatori a confezionare un'altra occasione per Toni che di testa al 38' sfiora il terzo gol.Sempre Toni. Al 42' angolo per il Verona, Nico Lopez dalla sinistra, svetta Toni, para Mirante. Nell'azione successiva piccola incertezza di Rafael che esce e trova il pallone in due battute, buttandosi su piedi di Varela. Parma che ci prova nel finale. Parma, all'ultima nel suo stadio, che prova a vincere nel finale e mette dentro un paio di palloni insidiosi. Nell'ultima giocata al 48' clamorosa giocata di Lucarelli che va via al limite in dribbling stretto e calcia a botta sicura ma, il tiro è debole e Rafael si salva. Partita finita, 2-2 con Toni (doppietta) leader della classifica marcatori.PARMA (4-5-1) 83 Mirante; 2 Cassani, 6 Lucarelli, 28 Feddal, 18 Gobbi; 3 Lila, 8 Mauri, 80 Jorquera (dal 20' s.t. 14 Galloppa), 23 Nocerino (dal 30' s.t. 5 Ghezzal, 26 Varela; 17 Palladino (dal 43' s.t. 58 Esposito). (1 Bertozzi, 22 Iacobucci, 5 Ghezzal, 4 P. Mendes, 13 Prestia, 21 Lodi, 31 Mariga, 34 Haraslin, 37 Broh, 80 Coda). All. Donadoni. HELLAS VERONA (4-3-3) 1 Rafael; 26 Sala, 4 Marquez, 18 Moras, 33 Agostini; 8 Obbadi (dal 30' s.t. 19 Greco), 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson; 11 Jankovic (dal 24' s.t. 7 Saviola), 9 Toni, 70 Fernandinho (dal 12' s.t. 17 Nico Lopez). (22 Benussi, 32 Ferrari, 2 Rodriguez, 5 Sorensen, 19 Greco, 20 Lazaros, 25 Marques, 27 Valoti, 28 Brivio, 30 Campanharo).All. Mandorlini.Arbitro: Minelli di Varese (Bindoni e Villa). Note: Ammoniti Obbadi, Moras, Lila.
SERIE A
PARMA-H.VERONA         <br/>FORMAZIONI UFFICIALI

PARMA-H.VERONA
FORMAZIONI UFFICIALI

PARMA: 83 Mirante, 2 Cassani, 3 Lila, 4 Mendes, 8 Mauri, 17 Palladino, 18 Gobbi, 23 Nocerino, 26 Varela, 28 Feddal, 80 Jorquera.A disposizione: 1 Bertozzi, 22 Iacobucci, 5 Ghezzal, 6 Lucarelli, 13 Prestia, 14 Galloppa, 21 Lodi, 31 Mariga, 34 Haraslin, 37 Broh, 58 Esposito, 80 Coda.All.: Roberto Donadoni.HELLAS VERONA: 1 Rafael, 4 Marquez, 8 Obbadi, 9 Toni, 10 Hallfredsson, 11 Jankovic, 18 Moras, 26 Sala, 33 Agostini, 70 Fernandinho, 77 Tachtsidis.A disposizione: 22 Benussi, 32 Ferrari, 2 Rodriguez, 5 Sorensen, 7 Saviola, 17 Lopez, 19 Greco, 20 Lazaros, 25 Marques, 27 Valoti, 28 Brivio, 30 Campanharo.All.: Andrea Mandorlini.Arbitro: Minelli di Varese.Assistenti: Bindoni e Villa.
PROBABILE FORMAZIONE
PARMA: PALLADINO     <br/>UNICA PUNTA

PARMA: PALLADINO
UNICA PUNTA

Il Verona affronterà oggi pomeriggio l'ultima trasferta della stagione a Parma. Donadoni vorrà onorare l'ultima partita al "Tardini" con il suo Parma, fallito e retrocesso. Il tecnico bergamasco schiererà un modulo speculare al 4-3-3 di Mandorlini (o 4-5-1 qualsivoglia) con Mirante in porta, Pedro Mendes a destra (Cassani nonostante il rientro dovrebbe partire in panchina) e Gobbi a sinistra. I centrali saranno Capitan Lucarelli e Feddal. A centrocampo verranno schierati Jose Mauri, Nocerino e Jorquera mentre sugli esterni giocheranno Varela e Ghezzal. Palladino sarà l'unica punta, parte favorito rispetto a Coda. Infine Lila potrebbe "rubare" la maglia a Jose Mauri.Probabile Formazione Parma (4-3-3)Mirante; P.Mendes, Feddal, A.Lucarelli, Gobbi; Nocerino, Jorquera, J.Mauri; Ghezzal, Palladino, Varela. All: Donadoni
CONTRO IL VERONA
PARMA, 23 CONVOCATI:  <br/>MOLTI I PRIMAVERA

PARMA, 23 CONVOCATI:
MOLTI I PRIMAVERA

Roberto Donadoni per la partita Parma-Verona in programma domani pomeriggio alle ore 15 allo stadio Ennio Tardini ha convocato ventitre giocatori. Sono molti i giovani chiamati in prima squadra. Da segnalare il ritorno di Cassani. Questa la lista completa:CONVOCATI: Bertozzi, Broh, Cassani, Coda, Esposito, Feddal, Galloppa, Gobbi, Ghezzal, Haraslin, Jorquera, Iacobucci, Lila, Lodi, Lucarelli, Mariga, Mauri, Mendes, Mirante, Nocerino, Palladino, Prestia, Varela.
PROBABILE FORMAZIONE
A PARMA CON IL 3-5-2        <br/>SAVIOLA IN ATTACCO

A PARMA CON IL 3-5-2
SAVIOLA IN ATTACCO

Ultima trasferta di campionato per il Verona di Mandorlini: c'è il Parma di Donadoni, fallito e retrocesso, da affrontare. Il mister ravennate, complice l'assenza di Gomez, dovrebbe rischiare il 3-5-2. Rafael tra i pali sarà protetto dai tre difensori centrali Moras, Rafa Marquez e il "Pelado" Rodriguez. Sulle fasce giocheranno Sala e Brivio, il terzino sinistro è in vantaggio su Agostini. In mediana agiranno Obbadi, Tachtsidis e Hallfredsson, con Greco defilato come seconda scelta. In avanti Luca Toni sarà coadiuvato da Saviola, che è favorito su Nico Lopez. Se Mandorlini dovesse ricorrere al solito 4-3-3, Jankovic e il brillante Fernandinho verrebbero impiegati dal primo minuto ai danni di Saviola e del difensore Rodriguez, con Sala adattato ancora una volta terzino destro in una difesa a quattro e con Pisano a sinistra, anche se non in perfette condizioni fisiche. Probabile Formazione Verona (3-5-2)Rafael; Moras, R.Marquez, Rodriguez; Sala, Obbadi, Tachtsidis, Hallfredsson, Brivio; Saviola, Toni. All: Mandorlini
HELLAS VERONA
24 CONVOCATI A PARMA:   <br/>OUT GOMEZ E MARTIC

24 CONVOCATI A PARMA:
OUT GOMEZ E MARTIC

Dopo la rifinitura mattutina sul campo di Peschiera, l'allenatore Andrea Mandorlini ha convocato 24 gialloblù per la sfida contro il Parma in programma domenica 24 maggio alle ore 15 allo stadio Tardini. Non sarano disponibili gli infortunati Juanito Gomez, Ivan Martic, Pierluigi Gollini e Artur Ionita. Convocato il Primavera Lorenzo Ferrari.I CONVOCATIPortieri: 1 Rafael, 22 Benussi, 32 Ferrari.Difensori: 2 Rodriguez, 3 Pisano, 4 R. Marquez, 5 Sorensen, 18 Moras, 25 R. Marques, 28 Brivio, 33 Agostini.Centrocampisti: 8 Obbadi, 10 Hallfredsson, 19 Greco, 26 Sala, 27 Valoti, 30 Campanharo, 77 Tachtsidis.Attaccanti: 7 Saviola, 9 Toni, 11 Jankovic, 17 Lopez, 20 Lazaros, 70 Fernandinho.
MANDORLINI IN CONFERENZA
"SPERO NEL VICENZA IN A       <br/>PER GIOCARE VERO DERBY"

"SPERO NEL VICENZA IN A
PER GIOCARE VERO DERBY"

"Le duecento panchine in gialloblù sono un bel traguardo, speriamo di festeggiare vincendo fuori casa. Finire bene è importante, il Parma sta giocando alla grande, ha fatto 10 punti nelle ultime 4 partite giocate al Tardini, e domenica sarà un'altra partita difficile". Così Andrea Mandorlini alla vigilia della trasferta di Parma. Molti gli indisponibili per la sfida ai ducali: "Gomez è indisponibile, come Ionita. Si è fermato anche Martic, insieme a Fares. Durante la rifinitura non si è allenato Pisano. Vedremo prima della partita, mentre anche Gollini non ha ancora recuperato dalla contusione che ha subito contro la Sampdoria. Come terzo portiere verrà convocato Ferrari". Difficile vedere stravolgimenti tattici a Parma: "Saviola è un'alternativa, è uno di quei calciatori che forse meriterebbe di più. E' un ragazzo fantastico, un calciatore bravo, è una soluzione a cui penso. Fernandinho è un'altra alternativa, ha fatto bene quando è entrato contro l'Empoli e può sfruttare la sua velocità. Abbiamo tante soluzioni sugli esterni e decideremo prima della partita, sono tutti in ballo, voglio una squadra che sia pronta e che mantenga la massima attenzione. Le caratteristiche dei calciatori cambiano l'atteggiamento in campo, ma non siamo abituati a grandi stravolgimenti. Chi gioca dovrà farlo in favore della squadra e di Luca".Mandorlini non si sbilancia sul futuro di Sogliano: "Io non so niente sul futuro di Sogliano, al momento per me non c'è nulla. Per tutti noi si aspetterà la fine del campionato. Anche nelle altre piazze stanno decidendo e valutando, poi si prenderà una decisione definitiva". Infine il tecnico ravennate esprime un desiderio: "Sarebbe bello trovare il Vicenza in A, forse questo è il vero derby. È presto, pensiamo a noi stessi per chiudere bene il campionato, ma complimenti a Carpi e Frosinone che si sono meritate tutto. Hanno vinto loro, sono state brave, ora vediamo chi salirà come terza squadra".
LE PRESENZE ALLA GUIDA DELL'HELLAS
MANDORLINI FESTEGGIA    <br/>LE 200 PANCHINE

MANDORLINI FESTEGGIA
LE 200 PANCHINE

Panchina speciale domani a Parma per Andrea Mandolini: sarà la numero 200 in gialloblù per il tecnico ravennate. Il bilancio dell'allenatore del Verona, tra C, B e A, è di 91 vittorie, 53 pareggi e 55 sconfitte. Tra l'altro le sfide tecniche contro Donadoni favoriscono il tecnico scaligero: nei 7 incontri tecnici ufficiali, Mandorlini è uscito vincitore 4 volte, mentre uno solo il successo per Roberto Donadoni, 2 i pareggi.I precedenti ufficiali a Parma tra gli scaligeri e i ducali sono 26: il bilancio è di 12 successi per il Parma (ultimo 2-0, nel campionato di Serie A 2013/14), 6 pareggi (ultimo 2-2, nel campionato di Serie A 2001/02) e 8 vittorie gialloblù (ultima 2-0, nella Coppa Italia 2011/12).
PARMA-VERONA
DONADONI: "VERONA? NON      <br/>DEVE ESSERE PASSERELLA"

DONADONI: "VERONA? NON
DEVE ESSERE PASSERELLA"

“Ho visto la mia squadra tonica in settimana. Mi auguro che domani, davanti al nostro pubblico, chiudiamo questo campionato con una buona prestazione. E’ il desiderio e l’augurio che abbiamo tutti quanti”. Roberto Donadoni non vede l'ora che questa stagione finisca. Un anno orribile per il Parma: fallimento societario e retrocessione in B. Intervenuto in conferenza stampa il tecnico bergamasco conferma l'assenza di Andrea Costa e Fabiano Santacroce per il match contro il Verona: “No, non ce la faranno, mentre Mattia Cassani ha risolto il suo problema, sta bene, già lunedì contro la Fiorentina dal punto di vista strumentale non aveva niente anche se lamentava qualche fastidio e non era opportuno utilizzarlo. Oggi sta bene e domani ci sarà”.Sarà l'ultima partita al Tardini: "Il fatto che ci sia presenza della nostra gente, del nostro pubblico è estremamente edificante. In tutta sincerità abbiamo anche tanto desiderio di liberarci definitivamente di questa stagione orribile. E’ giusto che, però, questo accada attraverso le due ultime partite, da interpretare alla grande. Dobbiamo fare, per questo, l’ultimo sacrificio. Non deve essere una passerella, ma una vetrina importante. Schiererò per questo motivo la formazione che riterrò migliore, la più adeguata".
RISCHIO SQUALIFICA
PARMA-VERONA: <br/>NOVE DIFFIDATI

PARMA-VERONA:
NOVE DIFFIDATI

Sono 9 i calciatori diffidati in vista della partita tra Parma e Verona: Lazaros, Hallfredsson, Martic, Nico Lopez, Pisano, Sorensen, Toni (Hellas Verona). Lodi e Varela (Parma).
LA SCHEDA DELL'ARBITRO
MINELLI-VERONA:   <br/>UN SOLO PRECEDENTE

MINELLI-VERONA:
UN SOLO PRECEDENTE

Sarà l'arbitro Daniele Minelli a dirigere il match Parma-Verona. Il fischietto è nato a Varese il 9 luglio 1982 e di professione è dirigente d'azienda. Il suo debutto nella massima serie è avvenuto il 19 aprile 2014, Atalanta-Hellas Verona, vinta dai gialloblù per 1-2. L'esordio in Serie A di Minelli coincide anche con l'unico precedente del fischietto con i gialloblù. In 43 partite fra Serie A, Serie B e Lega Pro, il fischietto ha estratto 183 cartellini gialli, 8 cartellini rossi diretti ed ha assegnato 17 calci di rigore.
MERCATO
JORGINHO TORNA?      <br/>IL NAPOLI NON LO VUOLE

JORGINHO TORNA?
IL NAPOLI NON LO VUOLE

Il Napoli potrebbe non riscattare la seconda metà di Jorginho che dunque potrebbe tornare a Verona.Le due deludenti stagioni del brasiliano alla corte di Benitez ne hanno deprezzato notevolmente il valore. Ma Jorginho piacerebbe al Torino che lo avrebbe richiesto al suo procuratore.Prima però c'è da risolvere la comproprietà con il Verona e non è escluso che le due società vadano alle buste. E il Verona potrebbe avere proprio il Torino come alleato nell'offerta da proporre.
MERCATO
MANDORLINI, PRONTO      <br/>UN CONTRATTO BIENNALE

MANDORLINI, PRONTO
UN CONTRATTO BIENNALE

L'intenzione è di restare ancora a Verona "almeno quanto Osvaldo Bagnoli". Così per Andrea Mandorlini è pronto un contratto biennale che lo legherà per due stagioni alla panchina del Verona.Secondo quanto riportato stamattina dal Corriere di Verona, per l'allenatore dell'Hellas c'è già la proposta di rinnovo di Setti. Due anni a 450 mila euro a stagione, circa 250 mila euro in meno rispetto all'attuale contratto che però era annuale.
MERCATO
SKY: SOGLIANO HA DECISO     <br/>NON SARA' PIU' IL DS

SKY: SOGLIANO HA DECISO
NON SARA' PIU' IL DS

Secondo Sky, Sean Sogliano avrebbe deciso di lasciare il Verona.Sogliano, ha spiegato l'emittente satellitare, comunicherà la decisione a Setti nei prossimi giorni.Sogliano ha il contratto in scadenza con il Verona a cui era legato da un triennale.Sempre secondo Sky, il prossimo ds del Verona sarà Riccardo Bigon.
PROGETTO GIOVANI
HELLAS ACADEMY:  <br/>TAPPA A SPILAMBERTO

HELLAS ACADEMY:
TAPPA A SPILAMBERTO

Hellas Academy ha fatto visita alla società affiliata del FC Spilamberto ’96 (in provincia di Modena), che ha ospitato presso i suoi splendidi impianti sportivi gli allenatori qualificati del Settore Giovanile dell'Hellas Verona FC Luca Gallizioli, Jacopo Moresco, Marcello Tavella e Alberto Saccuman. Un allenamento di circa due ore insieme ai ragazzi delle squadre Giovanissimi 2001 e 2002, felici di vivere una seduta ludico-formativa e vogliosi di imparare grazie ai consigli dei gialloblù. Tanta partecipazione da parte della società amica, che ha deciso di investire sull'Hellas Verona per un futuro insieme ai gialloblù.
VERSO PARMA
PESCHIERA: GOMEZ    <br/>ANCORA IN DUBBIO

PESCHIERA: GOMEZ
ANCORA IN DUBBIO

Continua ad essere in fortissimo dubbio la presenza di Juanito Gomez a Parma: l'attaccante argentino non si è allenato questo pomeriggio a Peschiera e prosegue con le cure fisioterapiche, così come il moldavo Ionita. La squadra agli ordini dell'allenatore Andrea Mandorlini, nella seduta pomeridiana ha svolto riscaldamento, torelli, cross e tiri in porta. PROGRAMMA ALLENAMENTISabato 23 maggio: seduta mattutina (ore 11) a porte chiuseDomenica 24 maggio: Parma-Hellas Verona (ore 15)
VERONA
Il week-end delle  <br/>giovanili Hellas

Il week-end delle
giovanili Hellas

Ecco il programma delle partite del Settore Giovanile: date, campi di gioco con relativi indirizzi e orariVenerdì 22 maggioPULCINI 2005Gara di campionato (campo comunale di via Monterotondo, Verona)Ore 17.30: BORGO PRIMOMAGGIO-HELLAS VERONASabato 23 maggioGIOVANISSIMI REGIONALI"Torneo Internazionale U13"Gara di qualificazione (stadio di via Trento 76, Martellago, Venezia)Ore 16.20: UNIONE VENEZIA-HELLAS VERONAOre 18.00: HELLAS VERONA-BOLOGNAPULCINI 2004Gara di campionato (campo comunale "Olimpia Stadio" di via Frà Giocondo, Verona)Ore 15.30: HELLAS VERONA-AVESAPULCINI 2006Gara di campionato (campo comunale di via S. Elisabetta, Verona)Ore 16.30: GOLOSINE-HELLAS VERONADomenica 24 maggioGIOVANISSIMI REGIONALI"Torneo Internazionale U13"Gara di qualificazione (stadio di via Trento 76, Martellago, Venezia)Ore 11.30: REAL MARTELLAGO-HELLAS VERONAOre 15.00: INIZIO SEMIFINALI E FINALIESORDIENTI 2003"11° Memorial Renato Ferri"Gara di qualificazione (campo "C.S. Ripalta Cremasca", via 24 Maggio, Crema)Ore 09.25: VINCENTE PRE FERRI-HELLAS VERONAOre 10.10: SASSUOLO-HELLAS VERONAOre 11.30: CESENA-HELLAS VERONAOre 12.20: CHIEVO-HELLAS VERONAPULCINI 2004"Torneo CUS Ferrara"Gara di qualificasione (Centro Universitario Sportivo di via Gramicia 41, Ferrara)Ore 10.30: JUVENTUS-HELLAS VERONAOre 11.15: CESENA-HELLAS VERONAOre 12.00: HELLAS VERONA-BOLOGNAOre 15.00: INIZIO FINALIPULCINI 2004"3° Torneo della Franciacorta"Gara di qualificasione (campo comunale di Passirano, Brescia)Ore 10.30: HELLAS VERONA-CREMONESEOre 11.30: ATALANTA-HELLAS VERONAOre 12.00: HELLAS VERONA-LUMEZZANEOre 14.30: INIZIO FINALIPULCINI 2006"2° Trofeo Teofilo Sanson"Gara di qualificazione (campo comunale di via Nogarola 1, Colognola ai Colli, Verona)Ore 10.50: JUVENTUS CLUB PARMA-HELLAS VERONAOre 11.40: CADORE-HELLAS VERONAOre 12.30: BADIA JUNIOR BIANCA-HELLAS VERONAOre 12.55: COSTABISSARA VICENZA-HELLAS VERONAOre 15.00: INIZIO FASE FINALE
13 GIUGNO
FESTA CURVA SUD  <br/>CON LA RETTORE

FESTA CURVA SUD
CON LA RETTORE

Torna la festa della Curva Sud: sabato 13 Giugno ai Bastioni via Città di Nimes. Anche in questa edizione ci saranno novità e graditissime conferme. Tra gli altri, suonerà per i tifosi Hellas anche Donatella Rettore, autentica icona degli anni ’80, che si esibirà con la sua band cantando i suoi più grandi successi.